Museo Cosmo Ruppi - Museo Cosmo Francesco Ruppi - Iconografia e Venerazione dei santi Cosma e Damiano-La Basilica

Vai ai contenuti

Menu principale:

l museo nasce per iniziativa della famiglia Ruppi, interpretando le volontà testamentarie di S.E. mons. Cosmo Francesco Ruppi, già Arcivescovo Metropolita di Lecce, e

con il consenso della Parrocchia Matrice dei santi medici Cosma e Damiano di Alberobello che ha messo a disposizione i locali dove viene ospitato. Nelle disposizioni testamentarie il Vescovo emerito faceva dono alla sua comunità natia, Alberobello, di tutti i paramenti sacri e i suoi


manoscritti affinchè fossero conservati con cura in suo ricordo. L'intento è stato quello di ripercorrere le fasi più significative del suo ministero e consegnare ai posteri la memoria dell'operato svolto durante il suo vescovado e continuare quel processo catechetico da lui sempre esercitato, che proponeva di sostenere la fede di ognuno poichè fermamente convinto, come riportava il suo stemma, che la fede sia la vera forza e vittoria "Fides Victoria Nostra". Il museo ha voluto riportare alla luce quello che è stato il suo stile di vita, improntato verso una sobria semplicità e rispettoso dei diversi contesti culturali.

L'inagurazione è avvenuta nel tardo pomeriggio del 30 giugno 2012. L'interno racchiude austere teche che racchiudono i paramenti sacri e il pastorale (opera dello scultore Armando Marrocco) del papa, Giovanni Paolo II, che lasciò in dono, a conclusione della visita alla città di Lecce il 17 e il 18 settembre 1994; l'elenco continua con altri due pastorali (dei due uno fu dono sempre del Pontefice, quando fu a Termoli il 19 marzo 1983), con i calici, con gli ostensori, con i reliquiari, con le croci pettorali in oro, con gli anelli episcopali, con le mitre, con i paramenti degli anni Cinquanta, con le pianete, con le casule con filamenti dorati, con un messale del 1708, seguono le nomine, la laurea in pedagogia, le sculture e le fotografie , di cui una su legno con il Vicario di Cristo ripreso nella cripta della Cattedrale di Termoli.

Torna ai contenuti | Torna al menu